accessori per il coniglio nano

Diversi sono gli accessori che dovranno essere acquistati per garantire al coniglio nano una vita lunga e felice. Il primo accessorio per importanza è sicuramente la gabbia; anche se l’intenzione è quella di lasciare il coniglio libero in giardino è consigliato, durante l’assenza del padrone o nel corso della notte, chiuderlo all’interno della gabbietta.
Riporre quest’ultima in un posto della casa molto tranquillo, che non sia soggetto a correnti d’aria e che sia libero dalla polvere; proprio la polvere potrebbe concorrere a far sorgere numerose patologie in un animale così delicato. Evitare anche l’esposizione alla luce diretta e rumori di televisioni o altri elettrodomestici che potrebbero facilmente spaventarlo. Lasciare la gabbietta scoperta, per permettere ai vapori di ammoniaca prodotti dai bisognini di evaporare nell’aria.
Scegliere un modello che consenta all’animale di muoversi con facilità; il fondo dovrà essere possibilmente di plastica, risultando così molto più comoda da pulire e da disinfettare; per la parte superiore, invece, dirigersi su una griglia, che permetterà di far respirare meglio il coniglio nano.

Sul fondo della gabbietta mettere della lettiera (in pellets, oppure in scaglie o, ancora, in erba compressa), che andrà cambiata una o due volte a settimana, evitando problemi molto diffusi come la dermatite da contatto. Se in casa è presente della lettiera per gatti fare attenzione a non mischiarle, perché quest’ultima è molto nociva per i conigli nani.
Appendere alla gabbia un portafieno e un beverino e mettere al suo interno una cassetta che potrà essere usata come rifugio.
Infine, predisporre una ciotola, preferendo quelle in acciaio, molto più igieniche di quelle in plastica e dei sassi o qualche rametto di legno, in modo che il coniglio possa limarsi i denti rosicchiandoli.

Fornire al coniglio nano abbondante fieno, di buona qualità, ponendo attenzione a non farlo cadere sul fondo della gabbia. Assieme a quest’ultimo, il coniglio dovrà essere nutrito con un alimento completo, che presenti un contenuto piuttosto basso di cereali.
Una buona abitudine sarebbe anche quella di fornire verdura fresca, soprattutto carote e insalata; la verdura dovrà essere piuttosto matura, lavata e asciugata, ed offerta a temperatura ambiente e non proveniente direttamente dal frigorifero. Abituare gradualmente il coniglio alla verdura, soprattutto se è stato abituato ad un’alimentazione secca; in questo modo si eviteranno casi di diarrea.
Evitare la verdura cotta oppure quella conservata in scatola. Una buona abitudine che può essere insegnata al coniglio quando è piccolo è quella di mangiare una piccola quantità di yogurt ogni giorno; in questo modo verrà mantenuta costante la flora batterica. Per garantire una scorta di vitamine e di sali minerali, offrire all’animale anche una campana di erba medica.

Per la cura quotidiana dell’animale serviranno sicuramente delle salviette detergenti, in quanto non è possibile fare il bagno ai conigli nani. Un paio di volte a settimana dovrà essere usata una spazzola, mentre più raramente si ricorrerà ad uno spray antiparassitario, per preservarlo da pulci, acari e pidocchi; sarà sufficiente spruzzarlo sul fondo della gabbia e sugli accessori posti al loro interno.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

clear formSubmit