biciclette elettriche emoove

C’è chi dice che è il mezzo del futuro e c’è invece chi dice che può definirsi il mezzo di trasporto del presente. Sicuramente quando parliamo di biciclette elettriche non possiamo che confermare che trattasi di un mercato in grandissima espansione con le case produttrici che offrono sempre nuovi modelli all’avanguardia.

Il particolare interesse anche sul design, magari poco curato sui primi modelli di bici elettriche messe sul mercato, ha di fatto attirato sempre più maggiori clienti.

La questione successo di queste bici non è solo legato ad un aspetto “di moda” e di tendenza nell’acquisto.

Nell’acquisto di una bicicletta elettrica ci sono vari fattori che vanno presi in considerazione. Intanto uno degli errori che si deve commettere e quello di pensare di spendere poche centinaia di euro per portarsi a casa un prodotto ottimo. Tale concezione deve essere subito messa da parte perchè dietro a biciclette elettriche così economiche sicuramente c’è nell’aria rischi di fregature e delusioni.

bicicletta elettricabicicletta elettricaQuando si scende una bici elettrica si può anche cercare di risparmiare e trovare online delle offerte vantaggiose ma importantissimo, direi fondamentale, è sceglire aziende serie che possano offrirvi garanzie di assistenza post-vendita

Il prezzo di una bici elettrica varia da vari fattori ma su tutti l’incidenza maggiore è legata al tipo di componenti utilizzati per la produzione e l’assemblamento. Comprando una bici a poche centinaia di euro si deve essere consapevoli del fatto che tali biciclette avranno sicuramente dei limiti.

Una bici economica sicuramente peserà dai 28kg in su, avrà una scarsa autonomia, un telaio di acciaio (quindi pesante), dei freni semplici che rischiano di consumarsi presto, una batteria al piombo e un motore “a spazzole”. Inoltre probabilmente il computer di bordo avrà a suo interno pochissime funzioni, giusto quelle essenziali.

Le bici elettriche devono ottemperare alla norma EN14764 che comprende anche la prova di frenata.

La norma EN15194 certifica invece la rispondenza alle prescrizioni del codice della strada della parte elettrica.

La norma EMC invece regolamenta e verifica che la parte elettrica-elettronica non emetta disturbi che possano dare fastidio alla persona che ha acquistato la bici e all’ambiente circostante.

Un autonomia scarsa quindi porta a percorrere percorsi brevi, nella migliore delle ipotesi circa 10-15km, in assenza di salite e sforzi, altrimenti l’autonomia potrebbe abbassarsi ancora di più. Ritenendo che la maggior parte dell’utenza ha necessità ben diverse è altamento consigliato spendere qualcosa in più ma avere un prodotto finito di maggiore qualità e far sì che l’acquisto di un mezzo elettrico ne valga la pena. In questa ottica è assolutamente indispensabile comprare un mezzo con batteria al litio (Li-ion) e alte capacità che da la certezza di non essere lasciati per strada ben lontani dalla meta prefissata.

Altro consiglio fondamentale è quello di evitare di andare a comprare biciclette di esportazione o ancora peggio bici di marche anonime. Aziende presenti nel settore da anni sono sinonimo di sicurezza, qualità e assistenza garantita nel post vendita (fattore assolutamente importante e fondamentale!!!).

Pensate ad un problema che possa capitarvi con la vostra bici che necessiti la sostituzione di un componente: fare affidamento ad un rivenditore con marche conosciute assicura una risoluzione della problematica in tempi stretti diminuendo al massimo i disservizi per l’utente, con reperimento della parte guasta anche nel giro di 24/48 ore.

Che tipo di bici elettrica comprare sul mercato ?

Per capire quale bicicletta elettrica comprare si deve rispondere fondamentalmente ad una domanda: a cosa mi serve la bici ?.

Il mercato offre una vasta gamma di mezzi elettrici: dalla bici da città, passando per quella da corsa, fino ad arrivare ad una classica mountain bike elettrica. Fondamentalmente quindi i prodotti messi sul mercato sono simili a quelli delle bici classiche.

Consigliamo la bici da città nel caso il mezzo sia utilizzato principalmente per andare a lavoro o magari per girare in città e andare a fare la spesa. In questo caso consigliato è acquistare con la bici anche un cestino portaoggetti.

Nel caso invece la bici serva più per lunghe passeggiate, da soli o in compagnia, con l’obiettivo di fare lunghi tragitti nel weekend, il consiglio che diamo è quello di puntare ad una bici da corsa con un telaio più leggero e dei componenti più curati e adatti a prestazioni su strada migliori. Più lungo sarà il viaggio più ci sarà la necessità di attrezzare la bici elettricha con ampie borse laterali posteriori per permetterci di effettuare anche lunghi pecorsi di centinaia di chilometri, senza la necessità di dover per forza ritornare a casa perchè non equipaggiati adeguatamente.

Ultimamente un prodotto che va molto, ma non solo per una questione di moda, ma principalmente per il suo utilizzo tra il pubblico più giovane (ma che noi consigliamo a tutti) per via dei micro spazi che occupano, sono le biciclette elettriche pieghevoli.

Ricordiamo che nella scelta del mezzo più appropriato in base alle nostre esigenze deve essere chiara la distinzione fra bici elettriche a pedalata assistita e ciclomotori elettrici. Ricordiamo che va controllato sempre che il veicolo che si vuole acquistare sia in regola e possa circolare regolarmente su strade e piste ciclabili preposte.

La scelta del sensore di una bicletta elettrica in relazione al tipo di ciclista e allenamento

Ogni bicicletta elettrica ha un sensore di rilevamento della pedalata. Tale sensore risulta essere fondamentale nel normale utilizzo del mezzo.

Se siete persone con un minimo di allineamente alle spalle la scelta va sicuramente verso una bici con sensore di sforzo. Anche se sapete benissimo che un motore vi permetterà di andare più veloce e arrivare più lontano la voglia che avete dentro di pedalare la farà da padrone.

Se siete persone poco allenate e volete raggiungere la meta stabilita senza aver fatto troppa fatica la scelta va dritta verso una bici più adatta alla vostra persona. Una bici con sensori di pedalata. La cosiddetta “pedalata simbolica”, così chiamata in quanto farete girare i pedali senza realmente alcua fatica.

Produttori e rivenditori assistenza post vendita biciclette elettriche

La maggior parte di bici elettriche, escludendo quelle che costano qualche centinaio di euro e quelle d’importazione, sono mezzi sicuri e affidabili.

Tuttavia come in tutte le cose possono succedere degli inconvenienti che inevitabilmente portano l’utente a dover far affidamento al produttore o rivenditore della bici.

Avere a disposizione un assistenza post-vendita risulta quindi un fattore molto importante. Assistenza garantita e puntuale potrete averla solo da bici di marche conosciute e affidabili, con anni di esperienza alle spalle.

Ci sentiamo di sconsigliare altamente tutti i prodotti provenienti dalla Cina perchè oltre ad avere una scarsa qualità sono assolutamente privi di assistenza tecnica e garanzia come previsto dalla legge. In caso di rottura di pezzi di ricambio, specialmente in caso di presenza di componentistica particolare quale il computer di bordo o una scheda di controllo, in assenza di assistenza e pezzi di ricambio l’inutilizzo a tempo indeterminato del mezzo è quasi una certezza.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un pensiero su

  1. Alberto

    Ormai tra inquinamento e costi di benzina indubbiamente il mezzo elettrico é una realtà. Tra l’altro rispetto a qualche anno fa la tecnologia si è affinata e le biciclette elettriche hanno raggiunto livelli tecnologici all’avanguardia con qualità e resistenza di svariati km. Personalmente ne ho prese 2 in famiglia e appena posso comprerò anche la bici elettrica a mia figlia. Preferisco per mia figlia comprarle un mezzo elettrico per andare a scuola (percorre 12km) rispetto al motorino sia per un discorso di costi ma anche per una questione di sicurezza visto che comunque una bicicletta elettrica può raggiungere velocità limitate rispetto ad motore cinquantino.

  2. Pandora

    Biciclette elettriche – Come scegliere la bici giusta prima di acquistarla

    • Ludovica

      Concordo con Beatrice, anche io mi trovo molto bene e poi non sottovalutiamo il fattore ambientale.

  3. Giuliano

    Biciclette elettriche come scegliere la bici giusta prima di acquistarla e sicuramente fondamentale avere consigli utili in tal senso.

  4. Giulio

    Che belle le bici elettriche. In famiglia ne abbiamo già 2 e non appena possibile la comprerò anche a mio figlio. A Palermo noi la usiamo spessisimo e abbiamo già venduto una macchina mantenendone solo una in famiglia per lunghe distanze.

  5. Dennisfedo

    Le biciclette elettriche sono una delle scoperte più belle che probabilmente l’uomo ha potuto inventare. Unico neo è il prezzo di vendita accessibile non proprio a tutti. Stesso discorso se parliamo di moto elettriche.

  6. JeanMarie

    Sono il mezzo del futuro e se costassero un po di meno probabilmente sarebbero molto più diffuse in italia.

  7. Beatrice

    Uso già da molto tempo la bicicletta elettrica e ben presto penso proprio che comprerò, appena economicamente potrò farlo, anche un motore elettrico. Se può servire io ho preso la mia bicicletta elettrica sul sito http://www.emoove.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

clear formSubmit